Sacco e Vanzetti, 1971. Regia di Giuliano Montaldo — Trailer

S

Alla mez­zanot­te del 22 agos­to 1927, nel peni­ten­zia­rio di Charles­ton, vici­no Bos­ton, ven­ne­ro ucci­si alla sedia elett­ri­ca Nico­la Sac­co e Bar­to­lo­meo Van­zet­ti, ita­lia­ni e anar­chi­ci. Arre­sta­ti nel mag­gio del 1920 e ingiu­s­ta­men­te accu­sa­ti di rapi­na e omic­idio furo­no in real­tà i capri espia­to­ri di un’on­da­ta repres­si­va con­tro il “per­i­co­lo ros­so”. Il pro­ces­so durò ben set­te anni e diven­ne qual­co­sa di sim­bo­li­co che non solo smos­se le cosci­en­ze degli uomi­ni del­l’­epo­ca, ma come un fan­tas­ma con­ti­n­uò ad agi­ta­re l’Ame­ri­ca per decen­ni.
Giu­lia­no Mon­tal­do, accom­pa­gna­to dal­la vibran­te bal­la­ta di Joan Baez e Ennio Mor­rico­ne, resti­tuis­ce quel­la vicen­da in tut­ta la sua assur­di­tà.

Kommentar hinzufügen

1 × drei =

Moleskin Blues Error: GRAVE

antoniagregory

Get in touch

Quickly communicate covalent niche markets for maintainable sources. Collaboratively harness resource sucking experiences whereas cost effective meta-services.